Seguici su

AMORE E DISPERAZIONE SONO PROTAGONISTI DI "IO NON SONO UN GABBIANO"

Amore e disperazione sono le assolute protagoniste della rappresentazione teatrale “Io non sono un gabbiano”, che verrà messa in scena l’11 gennaio al Teatro Comunale di Massafra.

Una rivisitazione del testo originale del dramma in 4 atti di Anton Cechov, ‘Il Gabbiano’, poco movimento sul palco, ma sono le emozioni e i sentimenti dei protagonisti a fare il tutto, li percepiremo, li sentiremo in movimento. E’ chiaro che quest’opera è impostata per raccontare il dramma specifico della violenza psico-emotiva dell’uomo, un tema facilmente riconducibile alla realtà contemporanea, carica di valore negativo in un momento così delicato e particolare.

Per costruire questo testo teatrale si è data grande importanza all’empatia fra gli attori, infatti nella prima fase si è dato grande spazio all’improvvisazione per lasciar scorrere la recitazione in modo libero. Il protagonista Konstatin (Kostja) vuole affermarsi attraversa la professione che svolge con dedizione, è alla ricerca di forme nuove ma sopra ogni cosa ricerca quell’accettazione sociale di chi lo circonda e ricerca l’amore di chi non lo ama. L’infelicità fa da padrona a questa storia, neanche l’illusione di una speranza permette ai personaggi di uscire dalla loro mera condizione d’infelicità e insoddisfazione. Troviamo nel copione altri personaggi interessanti come il logorroico maestro Medvedenko e molti altri ancora.

L’unica via d’uscita a questa amara condizione appare l’accettazione di una vita infelice rinunciando in parte a quei sogni di gloria cosi vividi in gioventù. Il testo scritto e diretto da Stefano Cordella, presenta alla nostra città una delle migliori realtà teatrali emergenti lombarde, la compagnia Oyes,che prova ad imporsi anche a livello nazionale. Hanno già vinto premi importanti e messo in scena un’altra opera cechoviana “Vania”, mentre questo stesso copione ha vinto il premio Next 2017/2018, un progetto della regione Lombardia e Agis. Assistere a questo spettacolo, così come leggere l’opera di Cechov che ha una forte relazione intertestuale con l’Amleto shakespeariano, ci obbliga a guardare dentro noi stessi e ad avere un aperto confronto con la nostra parte più profonda. Da sempre la letteratura russa è dedita ad esplorare i meandri dell’anima umana a perfezione. Se è vero che il testo appare carico di significati negativi e disperati vero è che saranno tante le sorprese per il pubblico e si annuncia anche un colpo di scena nella parte conclusiva.

Possiamo solo apprezzare queste piccole realtà che con amore e dedizione portano in giro per l’Italia questi spettacoli, riscoprendo e diffondendo i valori di cui sono cariche le grandi opere letterarie senza tempo.

Non possiamo che metterci in fila, prendere posto e goderci le infinite emozioni che ci regaleranno questi prodi attori. Buona Visione!

Prezzo del biglietto:
intero, € 10
ridotto, € 8

La vendita degli abbonamenti e dei biglietti sarà disponibile presso l’Info Point del Comune di Massafra (Piazza Garibaldi / tel. 099.8804695 - 338.565960) tutti i giorni dalle ore 8.00 alle 22.00 fino al 21 gennaio 2018; dal 22 gennaio 2018 i biglietti saranno in vendita tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e dalle ore 15.30 alle ore 18.00, nonchè la sera di spettacolo presso il Botteghino del Teatro Spadaro (P.zza Martiri del Risorgimento, 10 / tel. 099.8801200)
Il Botteghino del Teatro Comunale sarà aperto la sera di spettacolo, è possibile prenotare i biglietti telefonicamente ai numeri 099.8801932 e 349.7291060.
I biglietti saranno in vendita anche online e in tutti i punti vendita Booking Show.

Angelica Grippa


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA